Separazione/Mantenimento

Il tuo ex marito non paga l’assegno di mantenimento? Ecco come tutelarsi!

Come fare se il vostro ex marito non paga l’assegno di mantenimento adducendo a scuse riguardo la sua situazione economica?

Scopri in questo articolo come puoi utilizzare il servizio JOBANK
Pensato per
Privato
Fornisce informazioni su
Privato
da 170,00 € + IVA

Come capita molto spesso, le cause di divorzio e separazione non sono mai prive di problemi legati per lo più ai disaccordi tra i due ex coniugi. Accade infatti che le richieste di mantenimento della ex moglie, per varie ragioni, non vogliano essere soddisfatte dalla controparte. A volte per ripicca, a volte per effettiva difficoltà economica da parte dell’ex marito, non si riesce a trovare un accordo sulla cifra dell’assegno di mantenimento e vengono così  a mancare quelle tutele che dovrebbero essere garantite in fase di divorzio.

Quali sono le tutele verso la donna?

Esistono diversi mezzi a tutela della donna che abbia timore di non percepire l’assegno di mantenimento. La legge mette a disposizione diversi strumenti, sia prima che dopo la sentenza di separazione o divorzio. Si va, infatti, dalla possibilità di chiedere un’azione revocatoria contro atti di disposizione del patrimonio, all’obbligo di pagamento di una percentuale dello stipendio impartito al datore di lavoro. In più c’è la possibilità di avviare un pignoramento e, se dal mancato mantenimento vengono a mancare i mezzi di sussistenza per moglie e figli, si può procedere a una denuncia penale.

Come viene tutelato l’assegno di mantenimento?

A tutela dell’assegno di mantenimento esistono vari mezzi attuabili sia durante che dopo la causa di separazione o divorzio. Vediamone alcuni:

1. L’azione revocatoria

Questo tipo di causa ha lo scopo di rendere inefficaci qualsiasi tipo di vendita o donazione effettuate a frode dei creditori, ivi compresi quelli che ancora non sono tali a tutti gli effetti (perché il loro credito è in corso di accertamento con una causa). Se per esempio, il marito cede in modo fittizio le sue azioni di una Spa ad un prestanome, o venda un terreno ad un amico, la moglie può tutelare il proprio credito per l’assegno di mantenimento con l’azione revocatoria.

2. Il sequestro

Se il marito non paga l’assegno di mantenimento, la moglie può rivolgersi al giudice, il quale può disporre il sequestro di una parte dei beni del marito stesso. Per richiedere il sequestro devono verificarsi inadempimenti o ritardi nel pagamento. Il provvedimento si può attuare anche in caso di separazione se si sono già verificate tali condizioni.

3. Ordine di pagamento diretto al datore di lavoro

In caso di inadempienza, la moglie può chiedere al tribunale di ordinare all’azienda in cui lavora l’ex marito, di pagare direttamente a suo favore un parte delle somme a lui dovute. Si tratta di un provvedimento diverso rispetto al pignoramento (il quale, come noto, comporta il “blocco” del quinto dello stipendio all’esito di un procedimento di esecuzione forzata). Per attuare questo provvedimento ci si può rivolgere al datore di lavoro, all’ente erogatore della pensione, all’inquilino di un immobile dato in locazione dal coniuge, ecc.

4. Pignoramento

Nel caso in cui non venisse versato l’assegno di mantenimento, la moglie può richiedere il pignoramento dei beni dell’ex marito: auto, immobili, stipendio e conti correnti. Per fare questo è necessario redigere preventivamente un atto di precetto e farsi assistere da un avvocato. Il procedimento può avere risultati solo nella misura in cui l’uomo non sia totalmente nullatenente.

5. Denunciare o querelare

La legge punisce chi fa mancare i mezzi di sussistenza al coniuge. La pena prevista è la reclusione fino ad un anno e il pagamento di una multa che va da 103 a 1032 euro.

Come fare quindi per essere sicuri della situazione economica dell’ex coniuge?

Nel caso in cui voleste essere sicuri dei beni aggredibili in caso di separazione o divorzio e  avere una maggior tutela dei vostri diritti, affidatevi a Clipeo. Grazie al servizio JOBANK, infatti, potrete avere una fotografia nitida e dettagliata della situazione economico/patrimoniale del vostro ex coniuge, garantendovi maggior trasparenza e sicurezza.

Jobank
  • Verifica dei dati anagrafici del soggetto
  • Accertamento dell’attuale occupazione ed eventuale emolumento percepito
  • Rilevazione e attualizzazione di eventuali interessi imprenditoriali del soggetto
  • Indagine volta al reperimento di relazioni bancarie attive
  • E’ inoltre impreziosito dall’ispezione dei protesti e dall’indagine in loco, sul web e tramite data base ad hoc per il riscontro di eventuali rumors e recensioni stampa
da 170,00 € + IVA

Inserisci la tua mail per ricevere la demo del report Jobank

Lascia un commento.

*