Credito, Lavoro

La possibilità di pignorare il Trattamento di Fine Rapporto

Il creditore di un soggetto con regolare contratto di lavoro oltre che sottoporre a pignoramento lo stipendio mensile di quest’ultimo, può inoltre procedere pignorando le somme percepite dallo stesso a titolo di trattamento di fine rapporto di lavoro.

Scopri in questo articolo come puoi utilizzare il servizio JOB
Pensato per
Privato
Fornisce informazioni su
Privato
da 45,00 € + IVA

Il trattamento di fine rapporto o TFR è una somma accantonata dal datore di lavoro che viene corrisposta al lavoratore dipendente nel momento in cui il rapporto di lavoro cessa a prescindere dal motivo.

Nello specifico, la confisca del TFR sarà realizzata nella forma del pignoramento presso terzi e potrà essere effettuato presso il datore di lavoro o presso l’istituto dove viene versata la liquidazione; in entrambi i casi il creditore deve provvedere preventivamente alla notifica del titolo esecutivo e all’atto di precetto e solamente in seguito potrà notificare l’atto al debitore.

Pignorare il Trattamento di Fine Rapporto

Secondo quanto stabilito dall’art. 545 c.p.c., infatti, possono essere pignorate le somme dovute a titolo di stipendio di salario o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, ricomprendendo tra queste ultime indennità anche il TFR.

La legge però impone dei limiti, in quanto può essere requisito in casi specifici:

  • quando si tratta di soddisfare crediti di natura alimentare: il TFR potrà essere pignorato nella misura autorizzata dal presidente del tribunale o dal giudice allegato

  • quando si tratta di soddisfare crediti dello Stato, Province o Comuni o ogni altro credito: si potrà procedere a pignorare il TFR nel limite di 1/5;

  • se concorrono contemporaneamente più pignoramenti (per crediti alimentari, tributi, altre cause), non si potrà pignorare più della metà delle somme.

È inoltre bene precisare che il TFR è esigibile solamente alla conclusione del rapporto di lavoro.

Quando il pignoramento del TFR è effettuato presso il datore di lavoro

Quando viene effettuato alla fonte, il terzo provvede a versare le somme direttamente al creditore come da ordinanza di assegnazione. In ogni caso, l’anticipazione del t.f.r. contenuta entro il 70% della liquidazione complessiva non intacca la quota dell’indennità riservata al soddisfacimento del creditore procedente.

Quando è effettuato presso la banca

Con la previsione dei nuovi commi 8 e 9 dell’art. 545 c.p.c., è stato stabilito che se l’accredito della liquidazione sul conto corrente bancario o postale intestato al debitore è intervenuto precedentemente al pignoramento, il t.f.r. può essere confiscato solo per la parte eccedente il triplo dell’assegno sociale; se l’accredito, invece, è intervenuto in pari data o successivamente al pignoramento, il t.f.r. è pignorabile nella misura indicata dal tribunale per crediti alimentari, nella misura di un quinto per crediti diversi e fino alla metà in caso di concorso simultaneo di cause.

Come fare per individuare il TFR del debitore da cui recuperare il proprio credito?

Qualora doveste recuperare il vostro credito tramite il pignoramento del TFR del vostro debitore, affidatevi a JOB, il servizio di Clipeo attraverso il quale il recupero è più agevole: le indagini svolte sono infatti finalizzate ad individuare sia l’attuale attività lavorativa di una persona fisica (alle dipendenze di terzi e/o autonoma), sia gli eventuali trattamenti pensionistici, con la stima dell’emolumento percepito.

 

patrimonio_aggredibile

Job
  • Verifica dei dati anagrafici del soggetto
  • Accertamento dell’attuale occupazione e dell’eventuale emolumento percepito
  • Rilevazione e attualizzazione di eventuali interessi imprenditoriali del soggetto
da 45,00 € + IVA

Inserisci la tua mail per ricevere la demo del report Job

Lascia un commento.

*