Lavoro

Come fare per chiedere il risarcimento al lavoratore inadempiente e quali accorgimenti seguire?

Scopri in questo articolo come puoi utilizzare il servizio SCREENING
Pensato per
Privato
Fornisce informazioni su
Privato
da 360,00 € + IVA

Ecco cosa fare se un vostro dipendente ha un comportamento poco corretto o inadempiente

Provate ad immaginare che un vostro dipendente provochi un danno alla vostra azienda, svolgendo in modo poco professionale la sua mansione. Avete diritto ad un risarcimento per il danno subito? La risposta è si, ma come?

Secondo il tribunale di Mantova, a fronte di un comportamento inadempiente del lavoratore, è possibile chiedere il risarcimento solo dopo aver adottato un provvedimento disciplinare, per esempio il rimprovero scritto, dove si dovrà specificare l’entità del danno subito. Questo anche per garantire maggior correttezza al lavoratore che si trova in una posizione svantaggiata rispetto al datore di lavoro.

Quali obblighi deve rispettare il lavoratore?

Il lavoratore è tenuto a rispettare degli obblighi nei confronti del proprio datore di lavoro: gli obblighi di diligenza e di fedeltà. Se non vengono garantiti questi due aspetti fondamentali può causare un danno all’azienda.

Per obbligo di diligenza si intende che il lavoratore svolga la sua mansione attenendosi a canoni tecnici inerenti la tipologia di lavoro affidatagli ma, anche tutte quelle mansioni accessorie finalizzate a garantire l’utilità della prestazione stessa.

L’obbligo di fedeltà, invece, consiste nel divieto di svolgere qualunque comportamento atto a compromettere il rapporto di fiducia con l’imprenditore. Un lavoratore, per esempio, è fedele se, mentre lavora per una certa azienda, non svolge attività concorrenziali.

Il lavoratore che si dimostri negligente o infedele verso l’azienda, rischia quindi il licenziamento.

Se il lavoratore risulti inadempiente verso questi obblighi, gli viene notificata una responsabilità disciplinare, che potrebbe giustamente portare al suo licenziamento o una richiesta di risarcimento del danno subito dal datore di lavoro.

Come richiedere il risarcimento del danno subito?

Per effettuare la richiesta di risarcimento il datore di lavoro può:

  • esercitare l’azione disciplinare e, quindi, sanzionare il lavoratore

  • esercitare l’azione disciplinare e chiedere il risarcimento

  • chiedere il solo risarcimento.

Come si può ben capire, il datore di lavoro non deve rispettare particolari procedure per richiedere il risarcimento. Ciò non toglie però che la contrattazione collettiva, possa prevedere regole specifiche per questi casi, come per esempio un preventivo provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore, dove viene specificata l’entità del danno subito.

dipendenti_affidabili

Come verificare l’affidabilità di un dipendente?

Sapere chi abbiamo di fronte è molto importante per tutelarci da spiacevoli episodi. Grazie a Clipeo e al servizio SCREENING potrai verificare l’affidabilità di un tuo dipendente tutelando il tuo business e i tuoi interessi.

Screening
  • Verifica dei dati anagrafici del soggetto
  • Accertamento residenza
  • Domicilio
  • Nucleo familiare attuale e originario
  • Riscontro sull’attività lavorativa svolta arricchito da elementi reddituali, verifica delle precedenti attività lavorative
  • Rilevazione e attualizzazione di eventuali partecipazioni e interessi imprenditoriali del soggetto e del coniuge, con riferimento anche a cariche recesse
  • Patrimonio immobiliare
  • Ispezione delle Negatività ufficiali come protesti e pregiudizievoli
  • Indagine reputazionale sul soggetto
da 360,00 € + IVA

Inserisci la tua mail per ricevere la demo del report Screening

Lascia un commento.

*