Attualità

Comunione o separazione dei beni? Qual è la scelta migliore?

Comunione o separazione dei beni? Qual è la scelta migliore?
Scopri in questo articolo come puoi utilizzare il servizio DETECT PERSONA FISICA
Pensato per
Privato
Fornisce informazioni su
Privato Settore Vetture
da 90,00 € + IVA

Prese dall’entusiasmo, spesso le giovani coppie che si apprestano a compiere il grande passo del matrimonio, puntano l’attenzione solo sui preparativi e trascurano quella che, invece, dovrebbe essere la scelta da fare a monte in vista del proprio futuro, ovvero quella del regime patrimoniale dei beni.

Ma qual è la scelta migliore?
Il regime dei beni è una scelta decisamente importante. Per poter compiere la scelta giusta occorre conoscere bene cosa prevede la legge. Diciamo che a priori, non esiste una soluzione migliore dell’altra. I fattori che determinano la scelta sono valutazioni puramente soggettive.

Scegliere il regime della comunione dei beni significa che tutti i beni acquistati dopo le nozze saranno di proprietà di entrambi i coniugi, compresi ovviamente i debiti. In tal caso entrambi i coniugi potranno amministrare i beni comuni in maniera autonoma; solo nel caso di atti che eccedono l’ordinaria amministrazione (ad esempio se uno dei due intendesse vendere un immobile) sarà necessario il consenso dell’altro.

Scegliere invece il regime di separazione dei beni significa che la proprietà dei beni di ciascuno dei coniugi resterà esclusiva e ciò vale sia per beni acquistati prima che per quelli acquistati dopo il matrimonio. La separazione dei beni, al contrario della comunione, stabilisce che i beni personali dei coniugi restano tali. Solo il coniuge proprietario ha il potere di amministrarli ed ha il diritto al godimento degli stessi. Tuttavia, i beni che i coniugi creeranno insieme resteranno di proprietà di entrambi in parti uguali.E’ bene precisare che sia che si scelga la comunione, sia che si scelga la divisione, i beni acquistati prima del matrimonio rimangono nella proprietà esclusiva di chi li ha comprati.

Quali sono le conseguenze di una scelta o dell’altra?
Nel caso in cui si scelga la comunione dei beni, i beni acquistati dopo il matrimonio sono di proprietà in misura del 50% per ciascun coniuge. La proprietà è al 50% dei risparmi, dei beni acquistati durante il matrimonio, delle aziende gestite da entrambi con i relativi utili e debiti. In questo caso, se uno dei due è esposto a forti rischi patrimoniali l’altro coniuge acquisisce gli stessi rischi. Nel caso ad esempio che uno dei coniugi svolga un’impresa commerciale che potrebbe essere soggetta ad eventuale fallimento è opportuno scegliere il regime di separazione al fine di non coinvolgere anche l’altro coniuge.

La comunione dei beni può essere consigliabile nel caso in cui non si prevedano particolari situazioni di conflitti di natura patrimoniale in sede di separazioni o divorzi e si disponga comunque di beni acquistati prima del matrimonio.

Di contro, dal punto di vista fiscale, la separazione dei beni appare come la scelta più vantaggiosa. Lo svantaggio della separazione dei beni potrebbe essere quello di offrire minore tutela al coniuge più debole.

La separazione dei beni, inoltre, ha una funzione di alleggerimento e semplificazione delle pratiche in caso di divorzio o separazione. All’atto della divisione dei beni acquistati durante il matrimonio, infatti, questi restano della persona che li ha acquistati. Questo vale indifferentemente per beni mobili, immobili e per le autovetture, anche quando la casa venga assegnata alla moglie, soprattutto nel caso in cui ci siano figli minori o non autosufficienti a livello economico, la proprietà effettiva resta di chi ha effettuato l’acquisto.

La separazione dei beni serve anche ad impedire che, in caso di debiti di una delle due parti, i creditori possano aggredire i beni dell’altro, nella misura del 50%.
Colui che vanta un credito, infatti può. commissionando ad una società di informazioni per il credito, munita di licenza prefettizia, effettuare delle indagini proprio al fine di identificare la situazione economico patrimoniale del debitore al fine di recuperare il proprio credito.

Il servizio DETECT di Clipeo fornisce un quadro nitido e completo della situazione aggiornata del soggetto in questione individuando i beni aggredibili ai fini del recupero di un credito.

Detect Persona Fisica
  • Verifica dei dati anagrafici del soggetto
  • Accertamento residenza
  • Accertamento domicilio
  • Attuale occupazione ed eventuale emolumento percepito
  • Rilevazione e attualizzazione di eventuali interessi imprenditoriali del soggetto
  • Il report prevede ricerche specifiche volte ad individuare a nome del soggetto richiesto partecipazioni in società di capitali, proprietà immobiliari e di eventuali veicoli
  • E’ inoltre impreziosito dall’ispezione delle Negatività ufficiali come i protesti e i pregiudizievoli, ricerche utili a fornire un quadro preciso della situazione economico/finanziaria del soggetto di indagine
da 90,00 € + IVA

Inserisci la tua mail per ricevere la demo del report Detect Persona Fisica

Lascia un commento.

*