Tutti i post by Clipeo

  • Unioni Civili: “Sì all’assegno di divorzio”. A Pordenone il primo caso.

    Per la prima volta in Italia, con l’assegno di divorzio la fine di una Unione Civile è stata trattata come la fine di un matrimonio “tradizionale”.

    Leggi tutto

  • Pignoramento conti correnti: come scovarli.

    Per poter recuperare un credito è indispensabile effettuare una ricerca dei beni pignorabili del debitore, per esempio è utile verificare l’eventuale presenza di conti correnti bancari attivi.

    Leggi tutto

  • Condomini truffati per oltre 400mila euro

    truffe condominiali

    L’ultimo caso di condomini truffati  è accaduto a Parma, dove la Guardia di Finanza ha scoperto le attività illecite di un’amministratore di condominio.

    Leggi tutto

  • La badante non è idonea: arrestata per violenza

    badante idonea

    La datrice di lavoro le dice che non è idonea e la badante non se ne va: arrestata per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

    Leggi tutto

  • Meglio l’annullamento del matrimonio o il divorzio?

    divorzio o annullamento matrimonio

    Quando il matrimonio tra due persone finisce, ci sono due vie per dirsi addio: la prima è quella tradizionale della separazione e del successivo divorzio davanti al Tribunale Civile; la seconda è quella della sentenza emessa dal Tribunale Ecclesiastico con cui viene dichiarata la nullità del matrimonio.

    Leggi tutto

  • La separazione con addebito

    L’ordinamento giuridico italiano prevede l’ipotesi della cosiddetta ‘Separazione con addebito’ o ‘Separazione per Colpa’.

    Leggi tutto

  • In europa domina il mobile shopping: l’80% dei consumatori usa lo smartphone per fare acquisti

    Mobile-Shopping

    In Europa gli smartphone sono ormai diventati a tutti gli effetti dispositivi per effettuare acquisti, una pratica ormai da ritenersi “normale” come per lo shopping fisico. L’80% dei cittadini europei utilizza i propri dispositivi mobili per fare shopping, con un 41% che lo fa spesso o addirittura sempre.

    Leggi tutto

  • Un genitore può intestare tutti i suoi beni a un figlio soltanto?

    intestare tutti i suoi beni a un figlio soltanto
  • JoBank, il Report di Clipeo propedeutico al recupero crediti

    Recupero crediti e pignoramento presso terzi

    Il pignoramento è l’atto con il quale un creditore procede con l’espropriazione forzata di uno o più beni di proprietà di un debitore.

    Secondo l’articolo 543 del Codice di procedura civile il creditore può altresì recuperare il proprio credito aggredendo i beni del debitore che sono nella disponibilità del terzo, chiamato appunto “terzo pignorato”. In questo caso, si parla di pignoramento presso terzi. Quest’ultimo può essere di 2 diverse tipologie:

    • Pignoramento dei beni del debitore in possesso di un terzo;
    • Pignoramento dei crediti che il debitore vanta nei confronti di un terzo.

    Il creditore quindi ha la possibilità di recuperare il credito, rifacendosi sui beni non ancora in possesso del debitore.

    Chiaramente esistono dei beni non pignorabili, ma quello che ci interessa trattare sono soprattutto il pignoramento del quinto dello stipendio o della pensione ed il pignoramento di eventuali conti correnti intestati al debitore.

    Pignoramento Stipendio: come scoprire chi è il datore di lavoro?

    Nel caso in cui si volesse procedere al pignoramento dello stipendio è necessario essere a conoscenza dell’attuale attività lavorativa del soggetto debitore e del suo datore di lavoro. Approfondisci questo tema, leggendo il nostro articolo Rintraccio posto di lavoro per pignoramento beni del debitore.

    Come funziona il pignoramento dello stipendio per recupero crediti?

    Il pignoramento dello stipendio si può attuare nei confronti di lavoratori pubblici, privati, a tempo determinato, di collaboratori e di parasubordinati, al fine di recuperare il proprio credito presso un debitore.

    Il pignoramento dello stipendio non può avvenire per intero, ma deve rispettare una serie di limiti diversi a seconda che avvenga presso il datore di lavoro o presso l’istituto bancario di riferimento. L’importo deve rientrare in un importo minimo pignorabile: infatti è possibile trattenerne fino ad ⅕ dello stipendio.

    Una volta notificato il pignoramento al debitore e al datore di lavoro, quest’ultimo dovrà comunicare al creditore se il dipendente è in credito o meno di somme di denaro; successivamente, sia il debitore che il datore di lavoro dovranno comparire in un’udienza davanti ad un Tribunale Civile per l’autorizzazione del pagamento.

    Da questo momento in poi, il datore di lavoro, sarà obbligato per legge a versare mensilmente al creditore 1/5 dello stipendio del dipendente finché il debito non sarà completamente saldato.

    Come funziona il pignoramento della pensione?

    È possibile effettuare il recupero crediti anche tramite il pignoramento della pensione del debitore. Anche in questo caso, è necessario rispettare determinati limiti. Il creditore, attraverso il pignoramento della pensione, ha la possibilità di recuperare il credito, pignorando direttamente la pensione. In questo caso il terzo pignorato fa capo a INPS, ente pensionistico, Banca o Posta presso cui il debitore riceve il pagamento della pensione.

     

    Come recuperare un credito da un privato

    Spesso tuttavia, per inquadrare la situazione reale in cui versa il debitore non è sufficiente conoscere la sua attuale occupazione lavorativa, ma è importante anche avere un quadro completo della sua situazione bancaria nonché un riscontro sui suoi eventuali interessi imprenditoriali e sui protesti in atto.

    È in questi casi che consigliamo di scegliere il servizio Jobank, l’indagine mirata all’individuazione delle due più importanti patrimonialità aggredibili di un soggetto: gli emolumenti derivanti dallo stipendio/pensione e le relazioni bancarie del debitore.

    Jobank è un’indagine patrimoniale particolarmente indicata per valutare un eventuale pignoramento del quinto dello stipendio o del conto corrente bancario.

    Altri dati forniti dai servizi JOB e JOBANK

    Il servizio Jobank è inoltre arricchito da un servizio di ricerca in loco e sulla rete Internet, nonché dalla consultazione di un apposito database contenente segnalazioni dei nominativi coinvolti in reati di natura penale a monte del riciclaggio.

    In tal modo è possibile individuare un quadro completo di notizie e indiscrezioni sulla patrimonialità del debitore.

    Quali informazioni sono necessarie per avviare l’indagine?

    I dati necessari per l’avvio di un’indagine Jobank sono:

    • Nome
    • Cognome
    • Codice Fiscale

    Richiedi subito online il servizio Jobank e riceverai in breve tempo notizie utili e interessanti che ti aiuteranno a recuperare il tuo credito!

  • Imprenditrice non riesce a incassare credito e si rivolge alla ‘ndrangheta: debitore pestato

    Occhio per occhio, dente per dente. La Legge del Taglione è quella pena comune a tutti i popoli antichi, consistente nell’infliggere all’autore di una lesione personale un’uguale lesione.

    Leggi tutto